Warning

Un anno d’incertezze per la sede alpina

Come nelle vecchie case di un tempo: la canna fumaria che esce dal vetro di una finestra per espellere il fumo nel cortile. Dentro a riscaldare la sede della sezione Alpini di Cavallermaggiore, una vecchia stufa di ghisa a legna. Questo è il quadro invernale della casa delle Penne Nere di via Solferino, locale che, a meno di ripensamenti da parte della proprietà (il Comune), dovrebbe finire sul mercato immobiliare. Una situazione difficile per chi opera da anni, o meglio da sempre, a favore della comunità cittadina, servendola con i propri servizi e che si troverà, forse già quest’anno, costretta al trasloco.

Articolo dedicato a pag. 10