Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Paesi

Un’avventura iniziata nel 1915

Avere un oratorio nuovo e funzionale è una grande opportunità educativa. Da sempre Marene ha avuto la fortuna di disporre di locali dedicati ad attività ricreative, didattiche e sportive. Ma oggi più che mai questi spazi sono stati rimessi a nuovo, dopo un lungo periodo di ristrutturazione ed ammodernamento. Nelle scorse settimane, per mano di monsignor Cesare Nosiglia, l’oratorio San Giuseppe è stato ufficialmente benedetto ed inaugurato.

La storia dell'oratorio a pag. 12

Salone e palestra in casa di riposo

Sabato 19 ottobre alle 15 saranno inaugurati il nuovo salone polivalente e la palestra riabilitativa appena realizzati alla casa di riposo sommarivese. La cerimonia, alla quale sono stati invitati il prefetto di Cuneo e le autorità regionali e comunali, sarà accompagnata dalla celebrazione della messa officiata dal vicario episcopale della diocesi di Torino don Nino Olivero insieme a don Bruno e al parroco don Piero.

I dettagli a pag. 13

Si scaldano i “fujot” a Faule

Ugo Magnaldi, insieme al Comune, con il patrocinio della Regione e della Provincia, insieme ai volontari, coordinati dalla cuoca Lucetta Porchietto, sono al lavoro da settimane per garantire la buona riuscita della manifestazione, stimando di preparare circa 21-22 quintali di bagna caoda, servita nel caratteristico "fujot" in terracotta e accompagnata dalle verdure locali.

Il programma a pag. 16

La generosità AVIS compie 55 anni

Tante le bandierine Avis per il 6 ottobre, giorno per il grande festeggiamento del 55° compleanno dell’associazione locale dei Donatori del Sangue, guidata dal presidente Michele Cavaglià.

Foto e articolo a pag. 12

Caso alpeggi, tutti assolti

Assolti, perché il fatto non sussiste, gli allevatori a processo per presunta truffa a danno dell’Europa. La vicenda giudiziaria (che non è però ancora conclusa) aveva visto coinvolta la cooperativa Il Falco di Marene che, secondo la Procura, provvedeva ai documenti necessari per l’ottenimento dei fondi sugli alpeggi. La tesi degli inquirenti era che si ottenessero contributi per terreni mai utilizzati o impraticabili.

Articolo completo a pag. 14

Area Abbonati

In edicola