Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Paesi

Arriva il bonifico per lo scuolabus

«Abbiamo deciso di rimborsare un terzo della quota che è stata corrisposta dalle famiglie per l’utilizzo dello scuolabus per il periodo che non è stato usufruito. Ovviamente, le famiglie non devono fare assolutamente nulla, saremo noi che provvederemo, con un bonifico, alla restituzione del denaro». A parlare è la sindaca Roberta Barbero, riguardo al servizio di scuolabus. Decisione approvata durante l’ultimo Consiglio comunale e presa in quanto, con il fermo scolastico dovuto in conseguenza all’espandersi del Coronavirus, gli studenti non hanno più fatto uso del servizio di trasporto comunale.

A pag. 17

Si ampliano le scuole elementari

Ogni giorno si rafforza l’idea che bambini e ragazzi dovranno, a settembre, poter rientrare nelle loro scuole. Nonostante i tanti dubbi, a Monasterolo ci si prepara con l’ampliamento di tre aule delle elementari. Un intervento previsto per rispondere all’aumento del numero degli scolari ma che nel periodo post Covid potrà essere di grande supporto. L’edificio che ospita la primaria, in via Silvio Pellico, risale alla fine degli anni Settanta, dispone di cinque sezioni per un totale di circa ottanta studenti.

Questa e altre notizie da Monasterolo a pag. 14

Si organizza l’Estate Ragazzi

Nonostante le difficoltà causate dalla situazione sanitaria tuttora incorso, l’Amministrazione comunale ha in programma la realizzazione dell’Estate Ragazzi per gli alunni dalla prima elementare alla prima media. Purtroppo, con le severe misure per la gestione in sicurezza dei centri estivi, i costi previsti sono piuttosto aumentati rispetto allo scorso anno. Per valutare la fattibilità del servizio, occorre innanzitutto sapere quante sono le famiglie interessate.

Leggi di più a pag. 13

Mauro Alocco, amministratore garbato

Con la scomparsa di Mauro Alocco, il paese rimane orfano di uno dei suoi uomini migliori, che tanto aveva dato e tanto poteva ancora dare. Il destino crudele se lo è portato via a soli 60 anni, dopo una dura lotta contro un tumore. Terminato il liceo “Gandino” di Bra e ottenuta la laurea in ingegneria civile, come dirigente d’azienda del settore cemento, cominciò a girare tutta l’Italia. Persona dotata di un grandissimo bagaglio culturale, si impose subito all’attenzione nel suo difficile lavoro, sempre irto di difficoltà e responsabilità. Dopo un’interessante e utile esperienza vissuta negli anni ’80 come cronista politico per il giornale cittadino “Sotto la Torre”, a 25 anni si avvicinò alla politica amministrativa, ricoprendo il ruolo di assessore dal ‘85 al ‘90 nella seconda giunta Mana e poi anche quello di vicesindaco dal ‘90 al ‘95 nel primo mandato di Grande. Poi a sorpresa arrivò l’abbandono della politica amministrativa.

Ricordo a pag. 10

All’esterno stop alle mascherine

«Mi sembra davvero esagerato, all'aperto, dover usare la mascherina…» con queste parole la sindaca Roberta Barbero scrive una nuova pagina, finalmente positiva, nell’emergenza Covid-19. Dopo la fase pesante dei mesi scorsi, nella quale Marene ha registrato un alto numero di contagi e di decessi ed essendo, a tutt’oggi, rientrato almeno in parte il pericolo (non risultando più casi di positività), la sindaca, rispettando il punto 5 del decreto che consente ai sindaci di adottare propri provvedimenti, ha deciso di non applicare quanto previsto al punto 1 (l'obbligo della mascherina all'aperto dettata dall’ordinanza regionale dal presidente Alberto Cirio), permane quanto previsto al punto 3 che dispone il vincolo della protezione delle vie respiratorie nei luoghi chiusi, o all’aperto, in determinati casi specifici.

Questa e altre notizie da Marene a pag. 14

Area Abbonati

SPESA A DOMICILIO

In edicola