Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Marene

Cala l’allarme a Marene

Siamo ancora in emergenza da Covid-19, non bisogna assolutamente abbassare la guardia ma, dagli ultimi aggiornamenti, la situazione pare si sia abbastanza stabilizzata e si inizia ad intravedere qualche “schiarita”. Dalle ultime notizie ufficiali, di martedì 14 aprile, è vero che sono aumentati di due unità i contagiati ma il dato, come ha precisato la sindaca Roberta Barbero «va letto in un’ottica diversa in quanto si tratta di contagio familiare. Il fatto che tra marito e moglie o tra genitori e figli ci si possa trasmettere il virus era già un’ipotesi di cui avevamo tenuto conto con i medici dell’Asl. Laddove abbiamo iniziato a rispettare quello che ci veniva richiesto dai dpcm, cioè di restare chiusi in casa, non ci sono stati contagi di persone di famiglie diverse, quindi il fatto di non uscire, se non per necessità primarie, ha fatto sì che sul nostro territorio diminuisse questa ragnatela di contagi che si era sviluppata ad inizio marzo».

Tutto a pag. 13

Marene piange altre due vittime

È di nuovo pesante, per Marene, il bilancio di questo inizio settimana. I contagiati hanno raggiunto quota 30 e, nella giornata di lunedì, si sono registrati altri due decessi (che si aggiungono ai 4 precedenti). La situazione resta dunque, sempre molto grave: «Dal 9 marzo, Marene è stata coinvolta, in pieno, dall'emergenza sanitaria. Il Covid-19 purtroppo ha colpito profondamente il nostro paese, senza tregua! – ha detto la sindaca Roberta Barbero – Alla fine della settimana passata, eravamo felici per il ritorno a casa, dall’ospedale, di due marenesi guariti. Li ho sentiti personalmente e mi hanno confermato di sentirsi bene. Lunedì, invece, purtroppo, abbiamo avuto due decessi. Siamo vicini alle famiglie alle quali porgiamo le condoglianze da parte di tutta la cittadinanza».

Questa e altre notizie da Marene a pag. 14

È nata Costanza, simbolo di rinascita

Per fortuna non c’è solo il pericolo dei contagi: una nota positiva in un periodo difficile, caratterizzato dall’emergenza Covid-19, è che la vita sboccia, ostinatamente, in barba alle avversità! Il 22 marzo, alle 4,29, è nata Costanza. Una nuova piccola marenese che, con il nome che porta (trae origine dal latino e significa “colui/colei che ha fermezza, che è tenace”) non può che essere di buon auspicio in una fase di tempo tanto difficile quanto drammatica come quella che stiamo vivendo. Costanza ha voluto portare sicuramente un segno di riscatto e speranza, venendo alla luce una settimana prima rispetto alla data di scadenza del parto. Al Santissima Annunziata di Savigliano, mamma Alessandra Arrigo e papà Alex Oliviero hanno potuto gioire e stringere tra le braccia la loro primogenita. Per gli abbracci di nonni, zii e amici, purtroppo, ci sarà ancora da aspettare un po’ ma, intanto, tutto il paese regala un sorriso virtuale alla piccola bimba, per voce della sindaca Roberta Barbero, che ha annunciato la nascita in uno dei video di aggiornamento alla popolazione. «

A pag. 17

Venticinque contagiati a Marene

Soltanto negli utlimi giorni la sindaca Roberta Barbero ha potuto tirare un po’ il fiato. Quella appena trascorsa è stata una tra le settimane più difficili: a causa del Coronavirus il paese ha pianto la scomparsa di due concittadini e il bollettino dei contagiati è arrivato a quota venticinque. «Rischiamo di essere zona rossa», aveva detto la sindaca.

A pag. 18

Sono ancora saliti i contagiati in paese

Martedì mattina la sindaca Roberta Barbero ha diffuso un nuovo video per un aggiornamento sulla situazione del contagio da coronavirus. Purtroppo ha dovuto dare notizia del decesso di Giuseppe Biolatto, classe 1939. L’appello precedente della prima cittadina era di rispettare rigidamente le misure restrittive per limitare al massimo l’epidemia. Un’altra notizia poco rassicurante ha dovuto dare Barbero ai marenesi, con un ulteriore aumento delle persone contagiate che da sei sono passate a otto.

Di più a pag. 14

Area Abbonati

SPESA A DOMICILIO

In edicola