Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Marene

«La guerra è sempre ingiusta»

Al suono dell’inno nazionale, domenica 3 novembre è iniziata presso il monumento ai caduti la cerimonia di commemorazione dei soldati morti durante le guerre, in occasione della ricorrenza della festa delle Forze Armate. Molti i presenti, tra cui le autorità civili, militari e le associazioni marenesi.

Foto e articolo a pag. 15

Palazzo Galvagno diventa cantiere

Procederà a piccoli passi, a seconda dei finanziamenti, ma la ristrutturazione di Palazzo Galvagno è stata avviata. In questi giorni è stato elaborato un progetto complessivo per il recupero dell’immobile di proprietà comunale: servono serramenti nuovi, opere di consolidamento delle mura e di recupero della vecchia casa del custode. Si comincerà con il porticato e un vecchio muro.

Leggi a pag. 12

La Pro loco regala l’aula di arte alla scuola

Uno spazio dedicato alla fantasia, alla creatività, all’inventiva: ecco come può essere definito il laboratorio di arte inaugurato martedì scorso alla scuola elementare marenese. Un regalo offerto dalla Pro loco per i piccoli studenti, acquistato con i proventi della Stradegustando 2018.

Articolo completo a pag. 12

Un’avventura iniziata nel 1915

Avere un oratorio nuovo e funzionale è una grande opportunità educativa. Da sempre Marene ha avuto la fortuna di disporre di locali dedicati ad attività ricreative, didattiche e sportive. Ma oggi più che mai questi spazi sono stati rimessi a nuovo, dopo un lungo periodo di ristrutturazione ed ammodernamento. Nelle scorse settimane, per mano di monsignor Cesare Nosiglia, l’oratorio San Giuseppe è stato ufficialmente benedetto ed inaugurato.

La storia dell'oratorio a pag. 12

Caso alpeggi, tutti assolti

Assolti, perché il fatto non sussiste, gli allevatori a processo per presunta truffa a danno dell’Europa. La vicenda giudiziaria (che non è però ancora conclusa) aveva visto coinvolta la cooperativa Il Falco di Marene che, secondo la Procura, provvedeva ai documenti necessari per l’ottenimento dei fondi sugli alpeggi. La tesi degli inquirenti era che si ottenessero contributi per terreni mai utilizzati o impraticabili.

Articolo completo a pag. 14

Area Abbonati

In edicola