Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Monasterolo

Aggiustamenti di bilancio

Il Consiglio comunale mercoledì sera ha visto l’approvazione di una variazione al bilancio di previsione, l’ultima di quest’anno, con piccoli aggiustamenti. Poco più di 9mila euro vengono dalla Dimar come oneri per l’insediamento commerciale a Savigliano. Con 7mila euro si provvederà ad un restyling delle luci di Natale acquistate qualche tempo fa.; il rimanente (cui si aggiunge una piccola cifra presa dall’avanzo di amministrazione) verrà utilizzato per delle fioriere, sia di abbellimento che come dissuasori.

Leggi tutto a pag. 16

Nuovi utilizzi per il salone parrocchiale

Tra le “cose da fare” che anche il nuovo parroco di Monasterolo don Mauro Gaino si è prefissato, c’è sicuramente decidere le sorti del salone parrocchiale. Resta infatti da stabilire se darlo in gestione e a chi, soprattutto nell’ottica di un maggior utilizzo.

Leggi di più a pag. 15

Castagnata con le famiglie monasterolesi

Domenica 11 novembre i monasterolesi hanno partecipato numerosi alla grande castagnata organizzata dal Gruppo Famiglie e gestita da Franco Olivero che ha offerto le castagne e le ha fatte cuocere con l’aiuto di Andrea Arnolfo.

Foto e articolo a pag. 14

Ricordi con don Sebastiano

Domenica 18 novembre don Sebastiano Galletto, sacerdote molto amato dai monasterolesi, ha partecipato alla messa delle 11 celebrata da don Piero Gallo e durante l’omelia ha ricordato alcuni momenti della sua lunga vita.

Leggi tutto a pag. 16

Banda di rapinatori: si indaga ancora

Nell’aprile del 2014, la notte di Pasqua, una famiglia di Monasterolo venne aggredita e rapinata nella sua abitazione. Tre uomini con il volto coperto da passamontagna si erano introdotti nella cascina, passando da una finestra. Dopo aver rubato alcuni oggetti, avevano svegliato il padrone di casa, la moglie e la figlia allora dodicenne che stavano dormendo al piano superiore. I ladri avevano minacciato l’uomo.

A pag. 16