Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Monasterolo

Aiuti per chi fatica a fare la spesa

L’emergenza coronavirus ha potenziato le iniziative di solidarietà che già esistevano sul territorio e ne ha create di nuove. A Monasterolo la San Vincenzo, guidata dal presidente Giovanni Arduino, continua la sua assistenza alle famiglie in difficoltà, con l’unica variante dell’intervento del gruppo della Protezione Civile che offre un aiuto per il trasporto dei generi alimentari agli assistiti. Il Comune ha messo invece in atto il suo intervento straordinario per l’emergenza. È di 7.991 euro la somma stanziata a favore del Comune per le misure di sostegno alle famiglie (buoni spesa) in difficoltà economica e sociale a causa della situazione emergenziale attualmente in atto provocata dal Covid-19.

Leggi di più a pag. 16

Cresce la solidarietà e arrivano aiuti

Con la collaborazione degli esercenti locali, il Comune ha attivato già nelle scorse settimane il servizio di spesa a domicilio per le persone in difficoltà. A supporto di questa iniziativa, è stato chiesto anche l’aiuto da parte dei volontari della Protezione Civile, coinvolti nel servizio di consegna. Il mezzo della Protezione Civile è stato pertanto igienizzato, per un costo di circa 240 euro. Ad occuparsi dell’intervento di pulizia è stata la ditta saviglianese Granda Car Service.

Leggi tutto a pag. 16

“Caro dario... spero andrà tutto bene”

I maestri della scuola primaria, quotidianamente in contatto con i loro allievi e le famiglie, hanno inviato loro un originale “mosaico” con un messaggio di serenità e di speranza per tutti: “Andrà tutto bene”, le uniche parole che in questo momento ognuno di noi desidera sentire. La maestra Grazia ha proposto ai suoi allievi di quarta di scrivere una lettera o una pagina di diario per raccontare il loro stato d’animo in questi giorni di “arresti domiciliari”. Il rappresentante dei genitori, Maurizio Giolitti, ha invitato tutta la classe a inviare al Corriere queste riflessioni e nove bimbi hanno risposto all’appello. Il denominatore comune di tutte le pagine riguarda la mancanza dei compagni, delle maestre e della scuola nel suo complesso, unitamente alla preoccupazione per la diffusione della pandemia.

Alcuni pensieri, tratti da due lettere e da sette pagine di diario che esprimono un dolore universale, sono riportati a pag. 19

I negozianti si sono organizzati

Venerdì il sindaco di Monasterolo Giorgio Alberione, con un video diffuso sui canali social, ha confermato la notizia di un monasterolese contagiato da coronavirus, invitando comunque tutti a mantenere la calma e a rispettare le disposizioni del decreto in vigore. Nei giorni successivi anche a Monasterolo si è attivato un servizio di consegna della spesa a domicilio, rivolto in modo particolare a chi ha più di 65 anni, alle categorie protette, alle persone sole e ai disabili. L’iniziativa è dei commercianti locali, in collaborazione con i volontari della Protezione Civile.

Per saperne di più leggi a pag. 16

«Preoccupazione ma senza allarmismi»

L’epidemia coronavirus tiene desta l’attenzione di ogni categoria, ma in particolare del settore medico che ha il compito primario di fronteggiare l’emergenza. Abbiamo rivolto alcune domande ai due medici che operano sul nostro territorio (Giacomo Panero e Monica Carezzana) per sapere come stanno vivendo questa situazione, se c’è stato troppo allarmismo, più affluenza di pazienti, qual è stata la loro reazione, che cosa si aspettano per il prossimo futuro e se hanno particolari consigli da dare.

Le loro impressioni a pag. 15

Area Abbonati

SPESA A DOMICILIO

In edicola