Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cavallermaggiore

Crolla la cinta dello stadio Il vento abbatte il muretto di cemento

Davanti al crollo di una parte del muro di cinta dello stadio, il primo cittadino Davide Sannazzarro pare abbia detto ai suoi più stretti collaboratori «che di questo passo non finirà mai di spendere per il campo sportivo». L’amara riflessione del sindaco è legata all’ennesimo episodio, questa volta di tipo atmosferico, che ha colpito lo stadio di località San Giorgio nella giornata di martedì scorso. La forte tromba d’aria che si è abbattuta anche su Cavallermaggiore ha fatto crollare una quindicina di metri della cinta della struttura, proprio a pochi passi dalle panchine dove si siedono mister, dirigenti e giocatori pronti all’impiego, nell’area poco distante al palazzetto dello sport.

Leggi tutto a pag. 12

Una sede per gli Alpini sopra la ferrovia

Gli Alpini pronti a prendere il treno. Quello che li trasferirà dall’attuale sede (via Solferino) alla prossima, probabilmente proprio sopra la stazione ferroviaria. Questo è quanto spera l’Amministrazione comunale, che nei prossimi giorni effettuerà un sopralluogo dei locali sopra l’ex biglietteria con una delegazione di Penne Nere. Intanto, ci sono buone notizie per una futura riapertura del bar della stazione.

Leggi tutto a pag. 10

Rifiuti, novità in vista

Una distribuzione “di massa” il prossimo fine settimana, un operatore in più in servizio all’isola ecologica al sabato per snellire le code, un punto d’appoggio in centro paese. Questo è quanto è riuscito a strappare il Comune al Consorzio Csea (Servizi Ecologia e Ambiente) e alla ditta cui è stato appaltato il servizio di raccolta dei rifiuti, durante l’incontro che giovedì scorso si è tenuto al municipio di Cavallermaggiore.

Articolo completo a pag. 14

Accetta per 35 alberi

Presto la scure della ditta incaricata dal Comune si abbatterà su 35 alberi sparsi per la città riconosciuti malati. La decisione dell’Amministrazione fa seguito all’accurato al controllo, effettuato nei mesi scorsi, dal dottore Forestale Daniele Pecollo, professionista che svolge l’attività di gestione e ottimizzazione del verde pubblico della città. Nell’analisi fitopatologica del tecnico, che ha interessato ben 250 piante dislocate in Cavallermaggiore, dai vari controlli visivi e dalle prove strumentali per la verifica di stabilità, è emerso che quasi il 15% di esse necessitavano di abbattimento per un processo inesorabile di marciume e carie alle radici, al colletto o sul fusto. «Si tratta – ha scritto il dottor Pecollo nella sua relazione – di alberi morti in piedi».

Leggi tutto a pag. 10

Acciaio per rendere sicura la tribuna

Per una volta con una tempistica “non proprio italiana”, un cantiere pubblico è stato portato a termine. È successo in paese, dove la copertura della tribuna dello stadio di località San Giorgio, dichiarata a grave rischio ad aprile dello scorso anno, nel giro di otto mesi è stata messa in sicurezza.

Articolo completo a pag. 12

Area Abbonati

SPESA A DOMICILIO

In edicola