Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cavallermaggiore

Cosa succederà alle scuole frazionali?

A Cavallermaggiore ripartono le consulte frazionali. Istituiti lo scorso anno dal Comune, questi specifici incontri pubblici hanno come scopo il dialogo con i cittadini delle varie località presenti sul territorio, cercando attraverso queste assemblee di dare risposte ai quesiti di varia natura proposti dai cittadini stessi. Si comincerà lunedì 1 ottobre in località Motta Gastaldi, per poi proseguire successivamente con le frazioni di Pilone e Foresto.

Leggi tutto a pag. 12

Basta messe festive al santuario mariano

L’imbarazzo in municipio, quando la scorsa settimana il rettore don Giuseppe Brunato ha comunicato agli amministratori i probabili cambiamenti nelle celebrazioni delle messe festive al santuario, era palpabile. Il santuario della Beata Vergine delle Grazie, dopo aver perso un paio d'anni fa la messa del sabato, ora perde anche quella delle 8,30 della domenica, spostata nella chiesa di S. Michele.

Leggi tutto l'articolo dedicato a pag. 12

Oltre seimila euro d’offerte al santuario

Come noto, i bilanci del Comune sono pubblici e altrettanto quelli delle sue proprietà immobiliari. Anche il santuario dedicato alla Beata Vergine delle Grazie è pubblico, in quanto i muri sono di proprietà del Comune, che ne cura manutenzione e interventi. Esiste perciò un “quadro economico” che, chi meglio dell’Amministrazione comunale stessa, conosce. Un tema non nuovo, affrontato già in un Consiglio comunale del settembre scorso, quando gli animi si surriscaldarono proprio discutendo di gestione del santuario e della nuova convenzione che si voleva andare a riscrivere.

Piatti salati, aumenta il buono mensa

«Da 6 anni non ritoccavamo il prezziario dei buoni pasto delle nostre scuole e sul servizio trasporto alunni non abbiamo fatto alcun aumento». Spiega così il sindaco Davide Sannazzaro la scelta operata dall’Amministrazione di aumentare i costi dei buoni pasto scolastici, che passano da 4 euro e 50 centesimi a 5 euro. A parziale motivo di consolazione, l’aspetto che rimangono attive tutte le agevolazioni Isee, cui si va ad aggiungere anche quella legata al secondo figlio, con il buono pasto fissato a 4,50 euro.

Pistole ai vigili? Basta lo spray

Durante Consiglio comunale della scorsa settimana, la curiosità era tutta concentrata sul nuovo regolamento di Polizia municipale, dopo la richiesta dell’opposizione di armare i vigili urbani, cavalcato dal consigliere Valentino Piacenza. Nell’illustrazione del testo, l’assessore Giorgio Amoroso ha spiegato che il nuovo regolamento non è che un’evoluzione di quello precedente, con l’aggiunta di qualche modifica (vedi l’introduzione dell’articolo 9), come quella che riguarda il servizio a favore dei privati.

Area Abbonati

In edicola