Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Perchè non dotare la scuola di un tunnel?»

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera aperta indirizzata al sindaco Giulio Ambroggio:

Egregio sig. Sindaco E voilà un’altra puntata e un’altra proposta, anche se so che la boicotterai come sempre, per mere visioni politiche diverse e per un’antipatia nei miei confronti che mi permetto di sottolineare “reciproca”. Ma un sindaco dovrebbe lasciar perdere tutto ciò ed andare oltre, ed oltre vuol dire fare le cose semplici ma concrete a favore della cittadinanza. Sono fiero di romperti sovente, ma d'altronde, fuori dal palazzo qualcuno che lanci delle idee, butti il sasso nello stagno, ci vuole. Proporre, discutere, contraddire, approvare dovrebbero essere prerogative di una democrazia. Ignorare, non valutare l’utilità e non discutere è purtroppo il modus operandi verso chi non la pensa come te. Ma veniamo all’idea: Come vedi, alle scuole elementari Santarosa da quest’anno l’uscita degli alunni nel cortile del Municipio è accompagnata dai loro insegnati. I ragazzi seguono un percorso “obbligato” fino a raggiungere i genitori in attesa. Molto bene. Tra poco saremmo nel periodo invernale, con certe e soventi precipitazioni, ed allora cosa ne pensi di dotare il percorso di un tunnel mobile, tipo quelli degli stadi, così i ragazzi ed i docenti non si bagnerebbero per accompagnare i ragazzi fino dai genitori? Lo so che non la prenderai in considerazione e neanche ti degnerai di rispondere. D’altronde è una tua abitudine non rispondere (vedi l’ultima non risposta sulla proposta della creazione di un cimitero per animali). Come è consuetudine non lancio solo idee, ma elaboro progetti ed a volte li finanzio, perché le idee per concretizzarsi devono giustamente avere già un seguito. Ti saluto cordialmente ricordandoti che il costo è veramente irrisorio e se lo vorrai, come sempre, una collaborazione fattiva te la darei. Però te lo ricordo non sono del tuo partito. Chiedo scusa per esserti una spina nel costato da tempo e chiedo altresì scusa ai saviglianesi, ma d'altronde essere nonno vuol dire pensare anche ai nipoti ed ai loro amici. Con stima

Claudio Ferrero – Savigliano

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola