Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Cirio ostaggio della sua stessa maggioranza»

Riceviamo e pubblichiamo:

La Giunta Cirio compie 100 giorni e non si evince nessun atto politico degno di rilievo. Apprendiamo da alcune interviste rilasciate dal presidente Cirio che dall'insediamento ad oggi ha trascorso il tempo a studiare. Il che è sempre una cosa importante, ma ci si aspetterebbe allora maggior precisione nelle risposte. Parla di 100 milioni di tesoretto da destinare alla competitività piemontese, ma mancano completamente gli elementi concreti, che vengono rinviati a successive comunicazioni. Per il momento sappiamo che gli assessori comunicano incertezze sulle quote di bilancio destinate ai loro importanti capitoli, primo fra tutte la cultura. Parla dell'attivazione dei cantieri di lavoro, omettendo qualsiasi riferimento alla paternità della giunta Chiamparino di queste politiche. Nessun accenno ad una misura completa per l'attrazione di investimenti, nessun riferimento alla trattativa sulle aree di crisi che toccherà al Partito Democratico portare avanti sul tavolo del Governo. La verità è che i primi 100 giorni della Giunta Cirio saranno ricordati soprattutto per le dichiarazioni fuori luogo dell'Assessore Caucino contro i servizi sociali del Piemonte (ma dopo l'ultima strumentalizzazione di Salvini che porta sui suoi palchi addirittura dei bambini non c'è più da stupirsi) e i tentativi di occupazione del Consiglio regionale da parte dei Consiglieri leghisti sulla questione della Legge Elettorale nazionale. Ci troveranno disponibili a dialogare sulle questioni concrete, da Racconigi alla necessità di aumentare le borse di specializzazione per medici. La sensazione però è che il presidente Cirio, nonostante la buona volontà, sia ostaggio di una maggioranza che ha interesse più a fare propaganda che a governare. Su di lui ricade l'onere di dimostrare che non è così.

Paolo Furia - segretario PD Piemonte

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola