Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Nessuno pensa ai “bisogni” degli anziani»

Riceviamo e pubblichiamo:

Tempo fa, scrivevo della situazione indegna dei bagni pubblici della nostra città, risolti poi egregiamente da una ditta locale, ed in seguito appaltati ad altra azienda che non ne ha le stesse cure. Inoltre l'illuminazione non esiste. Vietato aver bisogni dopo il tramonto! Sappiamo che è sempre una questione di soldi, ma l'igiene e le necessità fisiologiche dovrebbero esserne una priorità. Detto questo, vorrei che l'amministrazione comunale si attivasse per far in modo che le manifestazioni che comportano una grande affluenza di pubblico non solo locale, (ben venga), provvedesse a dotare le piazze di appositi bagni che possano soddisfare le bisogne degli intervenuti. I vari bar o stand che propongono cibi vari in piazza, non sono ovviamente dotati di servizi igienici che possano supportarne l'affluenza, facendo in modo che giardini adiacenti vengano inondati di urea e quant’altro. Ma perché quando si prevedono determinati eventi non vengono consultate ditte atte allo scopo? Non ultimo, persone anziane “pannolinifere” delle quali io faccio parte, avrebbero bisogno di contenitori per il ricambio, nei bagni predisposti, diversamente non potrebbero partecipare a determinati eventi per non sentirsi a disagio. È ovvio mettere gli occhiali (e nessuno si vergogna) sa la vista è carente, usare protesi se l'udito ha dei problemi, ma quando vengono interessati organi sconci(?), la vergogna ci assale, e non avendo a disposizione servizi adeguati ci si sente a disagio e non si frequentano determinati luoghi. Ricordo che da giovane usavo gli orinatoi o vespasiani di antica memoria che oggi non esistono più, e non so il perché, o forse perché solo per maschi, visto che le donne mingendo in modo diverso, ne sarebbero comunque escluse. Forse l'attuale modo di pensare e di vivere, non si è adeguato a quelle che sono le necessità fisiologiche all'esterno di una popolazione che sta invecchiando, di cosa significhi andare in giro per la città, ed avere una necessità. Molti bar mettono a disposizione bagni inadeguati con cessi alla turca, nei quali, per persone anziane, la posizione diventa impossibile. Dove ti attacchi? Non sarebbe male se la pubblica amministrazione si facesse carico di queste esigenze, e credo che la cittadinanza anziana, gliene sarebbe grata. Voglio pensare che se qualcuno che ha potere decisionale mi leggerà, si attiverà per porre fine a queste carenze. Spes ultima dea!

Augusto Pettiti – Savigliano

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola