Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Lettera ai “miei” bambini piccoli e ormai grandi»

Riceviamo e pubblichiamo:

È giunta l’ora di andare in pensione, vorrei ringraziare tutti i bambini che in questi anni ho incontrato per la mia strada. Alcuni sono già diventati papà o mamma altri sono ancora dei pargoletti. Voi siete stati i protagonisti della mia vita, voi mi avete permesso di avere un lavoro, voi mi avete tenuta impegnata al punto, da dimenticare spesso i problemi, trasformando una giornata buia in un giorno radioso. Vorrei dire a tutti voi: grazie per essere sempre stati così autentici, grazie per la vostra ingenuità, grazie per la vostra originalità, grazie per avermi fatto ridere, grazie per avermi fatto sognare, grazie per tutti gli abbracci e sorrisi che mi avete regalato, grazie per avermi amato senza riserve, senza giudizi, grazie per avermi insegnato ad essere paziente, grazie per essermi stati da stimolo per raggiungere nuove competenze, grazie per l’impegno e l’entusiasmo che abbiamo condiviso per crescere ed affrontare tante sfide insieme. Vi voglio chiedere anche scusa se qualche volta ho urlato o perso la pazienza. Vi porterò sempre nel mio cuore, per me siete stati davvero importanti. Vi auguro con tutto il cuore di avere fortuna nella vita, d’incontrare nella vostra vita futura persone che vi possano capire, amare ed apprezzare per quello che siete. Buona vita a tutti, vi voglio bene. Vorrei dedicare un ringraziamento anche a voi genitori che in questi anni spesso mi avete testimoniato l’affetto, la fiducia e la gratitudine. Non posso dimenticare le bidelle o operatrici scolastiche, senza di loro la scuola non potrebbe funzionare. Spero che in un prossimo futuro il vostro lavoro riceva maggior riconoscimento, siete le persone con cui forse mi sono più spesso arrabbiata e lasciata andare, scusate ragazze per i mie sfoghi e le mie arrabbiature, ma vi assicuro che apprezzo molto il vostro lavoro. Infine come ultimo ringraziamento mi rivolgo alle mie colleghe, grazie per avermi sopportata e supportata, mi mancherete. Un pensiero particolare a Sara, Stefania e Mariangela, che mi hanno fatto chiudere in bellezza l’ultimo anno di lavoro.

Maestra Ornella Ghione scuola Infanzia “Principe di Piemonte”

Ps: Se vi va di scrivermi sarò ben lieta di rispondervi: ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola