Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Un invito a chi si riconosce nella solidarietà»

Gentile direttore,

da circa tre settimane è partita la campagna #IOACCOLGO rivolta ai tanti cittadini che si riconoscono nei valori della solidarietà e dell'accoglienza e che vogliono esprimere il loro dissenso riguardo ai "porti chiusi", al Decreto Sicurezza e in generale alle politiche anti-migranti. Promotrici di questa iniziativa sono tante realtà come Acli, Caritas, Cgil, Comunità Sant'Egidio, Centro Astalli, Gruppo Abele, Medici senza Frontiere, Save the Children e molte altre. Oltre alle associazioni, possono anche aderire i singoli cittadini e chi desidera può esporre alle finestre la coperta termica, oggetto preso a simbolo della prima accoglienza data ai migranti. Per avere maggiori informazioni è possibile visitare il sito: www.ioaccolgo.it Noi della Comunità Papa Giovanni XXIII abbiamo aderito con convinzione a questa campagna perché pensiamo che: - è necessario lottare contro ogni marginalità ed esclusione tutelando la diversità e la dignità di ogni persona a prescindere dal colore della pelle, della religione e della provenienza; - è un dovere morale aprire i porti per accogliere i naufraghi, nessuno deve essere lasciato morire in mare e devono cessare gli interventi per riportare in Libia uomini, donne e bambini che fuggono dalle torture dei centri di detenzione libici; - discriminare i cittadini stranieri non produce maggior sicurezza per gli italiani, semmai il contrario: il Decreto Sicurezza ha fatto precipitare molti migranti nell'irregolarità, persone che grazie al lavoro fatto dagli Enti locali e dalla società civile avevano avviato percorsi di integrazione ed inclusione ora sono condannate all'emarginazione e allo sfruttamento. Grazie. Cordiali saluti.

Adriano Ramonda - Comunità Papa Giovanni XXIII

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola