Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Mostra Centenario, proposte per migliorarsi»

Caro direttore, Lungi dal provare piacere nell’esercizio della stroncatura, ma qualche considerazione sulla mostra per il Centenario del calcio a Savigliano ci sentiamo in dovere di farla. È la credibilità (non di rado vacillante) del nostro ruolo a imporcelo. Non ce ne vogliano i volontari del gruppo Attività e cultura per Savigliano, ma l’allestimento è parso da rivedere perché non rispettava i basilari criteri cronologici e tematici. C’erano doppioni (l’intervista a Cisco Rossi), griglie con pezzi disomogenei ovvero fuori contesto, salti temporali, una messe di foto prive di didascalia, molte delle quali collocate nella parte bassa della griglia e quindi scomode da guardare. Nemmeno il materiale fotografico sotto vetro, riguardante le origini e le stagioni dominate dalla figura di Stefano Allocco, era immune da un certo disordine: una legenda per sezione costringeva a fare avanti e indietro; nel caso di Iele Supertino, titolo e foto erano sì ravvicinati ma in vetrine diverse. La foto di Mariuccia Fea, l’unica presidente donna, non era inserita nel periodo di appartenenza (la seconda metà degli anni ’90). E cosa c’azzeccava la foto del corridore Franco Arese al Morino? A detta di molti, un’evidente lacuna è stata poi la penuria di materiale sulle giovanili, perlomeno di quelle squadre che sono state il fiore all’occhiello dei vivai saviglianesi. Anche il fu Savigliano ’81 avrebbe meritato maggiore visibilità. Ma in questi casi la spiegazione può essere ricondotta a un mancato conferimento e, prima ancora, ad appelli non abbastanza efficaci. La parte fatta meglio è risultata essere quella dedicata a Franco Bonis alias Frabo, lo spulciatore dei Maghi, con i quaderni su cui registrava e aggiornava le proprie statistiche. Pochi e alquanto freddi i visitatori quando l’Ala non ha ospitato gli altri eventi collegati, ovvero nella giornata di sabato. Pochi anche perché all’esterno della struttura non c’era niente – un cartellone, un poster, un’insegna, uno striscione – che richiamasse la mostra organizzata all’interno. Per il fatto che da lunedì è stata traslocata al museo civico per rimanervi per qualche mese, confidiamo che questi rilievi siano recepiti per ciò che intendono essere: suggerimenti in un’ottica migliorativa.

Gianluca Gavatorta - Savigliano

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola