Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«L’Ascom non affronta i problemi in questo modo»

Riceviamo e pubblichiamo:

In tempo di esami, anche la città di Racconigi sta affrontando una prova di maturità su temi così importanti da essere determinanti per il proprio futuro. Una città dalle potenzialità enormi ma in buona parte inespresse, che spesso non riescono ad emergere a causa della sfiducia, del pessimismo e dei limiti di alcuni attori, ma per fortuna non di tutti. Citiamo due esempi apparentemente scollegati tra loro ma che invece delineano chiaramente la giusta strada da intraprendere. Abbiamo aderito, partecipato e sostenuto la protesta per ottenere la riapertura del Parco del Castello, (agli organizzatori della quale va il nostro plauso e la nostra stima), esigenza questa più impellente, ma che in realtà punta a far emergere l’assurda gestione di un gioiello che in qualsiasi parte d’Europa sarebbe una risorsa straordinaria, mentre qui è trascurata, quasi nascosta e comunque non sfruttata. L’altro elemento è un provvedimento adottato dall’Amministrazione comunale che limita le superfici da destinare alla Grossa Distribuzione e Centri Commerciali, garantendo di fatto il ruolo economico e sociale degli esercizi di vicinato. La nostra opinione, frutto dell’esperienza derivante dal confronto costante con i territori, è che la città deve proseguire nella valorizzazione delle proprie risorse economiche e turistiche, contemplando al tempo stesso nuove soluzioni, idee e progetti che siano al passo con i tempi, portati avanti con coraggio e senza guardarsi troppo indietro. La nostra opinione sui parcheggi blu, non solo a Racconigi, ma in ogni città, è che la soluzione migliore sia la formula mista. Vale a dire, in ordine di distanza dal centro: - Una porzione di parcheggi blu nel ristretto centro storico - Una seconda fascia di parcheggi a tempo (disco orario) - L’ultima fascia di parcheggia bianchi, liberi Ciò detto è sacrosanto che si apra un dibattito tra le forze politiche, economiche e cittadine ed altrettanto comprensibile che possano emergere opinioni divergenti. Sulla base del dibattito che si è sviluppato sia negli incontri che sugli organi di informazione, nel quale siamo stati chiamati in causa, anche con modalità spiacevoli e non veritiere, osserviamo: - All’Amministrazione comunale di non aver preventivamente informato le categorie imprenditoriali (anche per il tramite della nostra Associazione). Appresa la notizia dai giornali, abbiamo partecipato ai due incontri tra comune e commercianti, nei quali, in particolare nell’ultimo della settimana scorsa, sono stati sviscerati tutti i particolari che però avrebbero dovuto essere discussi in precedenza. - Ai commercianti ed alle imprese che ancora una volta si sono presentati in ordine sparso, scoordinati e disuniti. Serve a poco criticare l’Ascom dopo che la si ignora tutto l’anno, solo per la soddisfazione di trovare un capro espiatorio. Rinnoviamo ancora una volta il nostro appello affinché si abbandoni l’individualismo ed i pregiudizi verso tutto e tutti, ed a utilizzare l’Ascom come una rappresentanza all’interno della quale coalizzarsi per contare di più. Chi preferisce perdere da solo piuttosto che vincere insieme è libero di farlo, ma poi i risultati sono evidenti e non solo per il colore dei parcheggi. - Alle minoranze Lista Civica Tosello e Città Viva possiamo solo dire che con le illazioni e le bugie forse non si fa tanta strada ma di certo si fa brutta figura. Non comprendiamo ancora oggi come mai siamo stati tirati in ballo pur non avendo mai avuto alcun tipo di confronto, ma la strumentalizzazione, nostro malgrado la conosciamo bene. Sostenere che “l’Ascom, a Savigliano, non ha mai protestato contro gli insediamenti della grande distribuzione” significa la totale assenza di informazione di quanto succede a soli 15 km di distanza. è dal 2010, anno in cui la Conferenza dei servizi regionale insieme al comune ha definito le aree da destinare alla GDO che riempiamo le pagine dei giornali, sale riunioni e confronti e dibattiti pubblici, ma evidentemente qualcuno non se ne è accorto. Così come dichiarare che “l’Ascom ha tutto l’interesse a sostenere i parcheggi blu a Racconigi così la gente andrà a fare la spesa a Savigliano” evidenzia un livello di dibattito imbarazzante. Anche qui la disinformazione la fa da padrona, basti pensare che a Savigliano il centro città è quasi completamente blu e spesso sono i commercianti stessi a chiedere l’istituzione dei parcheggi a pagamento per garantire la rotazione in favore dei clienti. Se questo è purtroppo il nuovo modo di fare politica, in particolare gettando fango sugli altri attori del dibattito, allora noi con questa politica non abbiamo nulla da spartire e non ci rimane che fare appello a tutti gli imprenditori di unirsi di più, credere nel lavoro di squadra e non farsi strumentalizzare da chi ha ben altri interessi.

Il direttivo Ascom Savigliano

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola