Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Da semplice insegnante ora sono diventata consigliera»

Riceviamo e pubblichiamo:

Approfitto della disponibilità del giornale per raccontare un ventennio circa di docenza presso l’Unitré di Savigliano. Il corso “Riabilitazione motoria”, di cui sono una dei docenti, è sempre molto seguito, anche per i suggerimenti che i medici di base ed i vari specialisti forniscono ai propri mutuati, oltre che per la maggior attenzione personale alla propria salute e forma fisica. Negli anni, vista la richiesta degli utenti, il corso ha incrementato la sua durata, e da tempo si struttura in 30 sedute, da ottobre a maggio, in parallelo ai corsi dell’Università. Il mio scritto è rivolto ad un altro aspetto, quello relazionale, che è l’essenza del corso. Molti dei miei “studenti” sono storici, addirittura dal primo corso (raccontano aneddoti di quando, per iscriversi, facevano la coda dalle 5.30 il giorno di apertura della segreteria!), e molti si sono avvicendati negli anni, transitando ai colleghi ma sempre mantenendo l’ottica della Riabilitazione motoria. Qualcuno ha abbandonato per motivi personali o di salute, altri purtroppo nel corso degli anni ci hanno lasciato per sempre, e con tristezza e affetto li ricordiamo a inizio corso e durante le lezioni. La potenza di questi corsi è data da impegno, compartecipazione, sostegno e amicizia che durante il lavoro svolto insieme crescono e motivano anche chi è più fragile. Io non so se è più quello che insegniamo ai nostri allievi, o quanto il lavorare in gruppo trasmette a noi docenti. Vi scrivo non per un addio (continuerò il corso finché potrò, se lo vorrete), ma soprattutto per un Grazie. Grazie perché da maestra-figlia nel tempo sono diventata consigliera-sorella: ci siamo scambiati nozioni, suggerimenti, ricette, racconti di viaggi e libri, mangiato pizze e insieme riso molto, senza perdere mai tempo. Abbiamo cercato di essere allegri, e nell’ora di lezione problemi e preoccupazioni li abbiamo sempre lasciati nello spogliatoio. Ho finito: era indispensabile che vi comunicassi che siete persone belle, forti, costanti, e che l’Unitre è veramente una scelta importante e completa per arricchire la propria personalità, a qualsiasi età. Semper ad maiora.

Iose Mattarozzi – Savigliano

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola