Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Se il sindacato conosce irregolarità le denunci»

Riceviamo e pubblichiamo:

Siamo esterrefatti dalle dichiarazioni rese inopportunamente dalla Cgil, relativamente all’incidente sul lavoro che ha avuto purtroppo una vittima in un cantiere edile. Stupisce innanzitutto che non si riconosca da parte sindacale che le politiche per la formazione e la sicurezza nel lavoro sia a livello nazionale che a livello locale vengono concertate insieme, datori di lavoro e sindacati di settore, da quarant’anni, attraverso gli enti paritetici (Cassa edile e Scuola edile), in assoluta bilateralità. E per primi i contratti collettivi di lavoro sono firmati insieme. Se l’accusa è che l’Ente scuola edile, preposto alla formazione, debba rinnovare le sue linee strategiche e operative, siamo disponibili a confrontarci e a ripensare insieme il modello. Ma se Cgil è a conoscenza di casi specifici di inottemperanza alle norme ha il dovere di segnalarli nelle sedi opportune, perché in altro caso, le pesanti generiche parole scritte rappresentano unicamente un esempio di pericoloso populismo e bieca diffamazione, contro un settore già duramente provato dalla crisi. Le norme ci sono e vanno rispettate, le nostre Associazioni di categoria si impegnano da anni a fondo nella diffusione della cultura della sicurezza, che è un qualcosa che va ben oltre la semplice osservanza delle norme: un assoluto dovere. Cercare una ribalta mediatica sfruttando un lutto rappresenta una brutale speculazione. Pensiamo che i lavoratori apprezzerebbero che il sindacato si battesse per cause concrete: una potrebbe essere abbassare l’età pensionabile per chi opera nel settore. Lavorare in un cantiere è molto faticoso e far rientrare gli edili in una categoria speciale porterebbe positivi risultati anche in termini di sicurezza.

Elena Lovera – presidente Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili) Cuneo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola