Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Bisogna tornare a un lavoro di qualità»

Dopo il crollo generato dalla crisi recuperiamo occupati, ma le ore lavorate perse, rispetto al 2008, sono equivalenti a un milione di posti full time. In pratica cresce il lavoro discontinuo, il part time involontario, il tempo determinato di breve durata e si riducono drasticamente i posti di lavoro a tempo pieno e a tempo indeterminato. Non lo dice la CGIL, ma il Rapporto sul Mercato del Lavoro realizzato da Ministero del Lavoro, Istat, Inps, Inail e Anpal e presentato oggi, ricco di dati interessanti che spiegano cosa è accaduto al lavoro e cosa sta accadendo. Chiarita la diagnosi, la CGIL rilancia la sua cura: non c’è risposta sociale se non c’è lavoro di qualità investimenti, politiche industriali e fisco. Il lavoro breve è lavoro povero. Il lavoro esasperatamente precario è lavoro povero. Il lavoro senza qualità è lavoro povero e caduta del Pil. E non è un caso che tra i tanti dati emerge quello dei giovani in fuga all’estero. Bisogna tornare al lavoro di qualità e per farlo servono investimenti.

Cgil Cuneo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola