Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«I parcheggi blu a Racconigi sono una nuova Tassa»

Gentile direttore,

non posso affermare di essere contro i parcheggi a pagamento, capisco che le pubbliche amministrazioni debbano trovare il modo di aumentare gli introiti, ma penso che, considerato il numero di negozi del centro racconigese, convertire gli attuali circa 130 stalli a disco orario a parcheggio a pagamento sia sufficiente. Sono infatti contrariata dal fatto che quasi la totalità del centro storico diventerà blu e i pochi parcheggi che rimarranno saranno probabilmente a disco orario; questo mi sembra in disaccordo con la legge che regolamenta i parcheggi (art. 7 comma 8 del Codice della Strada), che stabilisce quanto segue: “il parcheggio a pagamento può essere istituito unicamente nel caso in cui davanti le strisce blu o perlomeno nelle vicinanze, vi sia un’adeguata area riservata a parcheggio senza custodia o dispositivi di controllo”. Ergo, strisce bianche e parcheggi liberi da ogni vincolo (neanche a disco orario) così come confermato dalla circolare n. 1712 del 30/03/2012 del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Sono invece assolutamente in disaccordo con le tariffe in abbonamento per i residenti (240 euro/anno), a mio avviso molto onorese in considerazione del fatto che, essendo i parcheggi quasi totalmente a pagamento, in una zona ad alta densità abitativa, qual è il centro cittadino, con l’assenza di un numero congruo di autorimesse o posti auto, questo costituirà per i residenti una vera e propria nuova tassa (senza ovviamente la certezza del parcheggio). Probabilmente per i signor benpensanti, industriali e imprenditori del consiglio comunale 240 euro non costituiscono un onere sensibile di spesa! (A Savigliano l’abbonamento per i residenti è di 288 euro/anno ma circa la metà degli stalli è libera; a Torino gli abbonamenti sono per fasce di reddito dai 45 ai 180 euro/anno). Personalmente abito nel centro di Racconigi da dodici anni e mai mi è capitato di parcheggiare, in qualunque orario della giornata, a più di 80-100 metri da casa, questo a testimoniare che una tale esigenza mi sembra esagerata. Se poi asserendo che non ci sono mai stalli liberi ci si riferisce ai giorni di mercato (quando i parcheggi sono occupati dai banchi del mercato) non credo che la situazione migliorerà, anche a Savigliano nei giorni di mercato è difficile parcheggiare nonostante i parcheggi blu! Non capisco altresì come l’introduzione dei parcheggi a pagamento possa eliminare i fenomeni di “sosta selvaggia”, in quanto gli addetti al controllo potranno effettuare le multe ai soli veicoli parcheggiati sulle strisce blu che non esibiscono il tagliando del pagamento e non potranno multare le auto in divieto di sosta o comunque fuori dalle strisce blu (quelle che quindi, a mio avviso, rientrano nella categoria “sosta selvaggia”). Immagino difficilmente come l’introduzione dei suddetti stalli possa incentivare l’utilizzo di mezzi pubblici, così come si legge nella premessa del verbale di deliberazione, in quanto Racconigi non ha dei servizi di mezzi pubblici cittadini (autolinee urbane, tram, …). Nell’ultimo mese ho effettuato un sondaggio tra le attività commerciali del centro storico (campione di 30 attività) ponendo queste due domande: 1) Pensa che i nuovi parcheggi blu valorizzeranno il centro di Racconigi? 2) Pensa che con i nuovi parcheggi blu porteranno un aumento del suo volume d’affari? Alla prima domanda hanno risposto Sì (9); No (16); Non so (5); Alla seconda domanda hanno risposto Sì (4); No (20); Non so (6). È chiaro che anche la maggioranza delle attività commerciali, così come la maggioranza della popolazione sia contro i parcheggi a pagamento.... Viva la democrazia!

Concetta Monopoli – Racconigi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola