Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Jeanette, sopravvissuta al genocidio

Strappata dal genocidio in Ruanda, trasferita in Italia e adottata da una famiglia di Dronero. Cresciuta, diplomata in Grafica al Cravetta, sposata e mamma di due bambine. Jeanette Chiapello, fotografa di 25 anni di Savigliano, per oltre vent’anni aveva creduto che la sua famiglia d’origine non ci fosse più. Le avevano detto che i suoi parenti erano morti sotto i colpi di macete degli Hutu, che nell’aprile del ‘94 sterminarono migliaia di Tutsi.

in prima e a pg.5

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna