Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«La sosta blu alla stazione penalizza tutti i pendolari»

Gentilissimo signor sindaco,

notiamo con stupore che sono stati trasformati i parcheggi bianchi in parcheggi blu in Piazza Sperino (stazione ferroviaria ) e non solo, in Viale Marconi dove esisteva per un tratto la sosta a tempo (1 ora ), mentre gli altri erano liberi . Non ci sembra una scelta oculata. Penalizzare nuovamente e pesantemente i pendolari (che per andare al lavoro si pagano il parcheggio zona stazione, poi si pagano abbonamento del treno, ed i più fortunati addirittura l’autobus per raggiungere il posto di lavoro) sia veramente non curarsi della propria collettività. Praticamente, tradotto in soldoni, chi lascia l’auto alle 7 del mattino e arriva alle 19 si paga giornalmente 6/7 euro che moltiplicato per una ventina di giorni lavorativi diventano 120/150 euro mensili. Se poi malauguratamente, per problemi dipendenti da terzi si arriva in ritardo c’è pure la beffa della sanzione visto che si recupera l’autovettura oltre il limite. Ma quello che come gruppo cittadino Lega, ma ancor più come semplici cittadini ci indigna, e che in pompa magna vi siete attribuiti l’onore di aver fatto parcheggi liberi, sul terreno donatovi dalle Ferrovie dello Stato, mentre nel più religioso silenzio avete azzerato quell’opera, anzi siete andati oltre. Nel parcheggio libero all’interno del suolo delle ferrovie ad oggi ci sono 32 posti disponibili, mentre con questa insensata scelta ne avete trasformato 34 in parcheggi a pagamento . Se poi ci fa inorridire che avete anche reso blu il parcheggio per le donne in gravidanza, allora capiamo il vostro fermo intento di penalizzare tutti, soprattutto parte di quel mondo lavorativo che non ha la fortuna di avere il lavoro sotto casa . Capiamo altresì l’imbarazzo della Polizia municipale che avrà il compito di sanzionare - e siamo con loro solidali fin dall’inizio in quanto loro sono sul territorio e ne subiscono le conseguenze da parte degli utenti - a meno che illustrissimo signor sindaco lei non dedichi parte del suo tempo per ricevere i pendolari che sicuramente saranno “incazzati”. Oltre alle leggi da rispettare forse ce n’è una che un amministratore saggio dovrebbe non dimenticarsi. Si chiama legge del buonsenso che mi pare in questa circostanza sia latente oltremodo. Confidiamo in un ravvedimento perché penalizzare i cittadini che vanno al lavoro è ignobile, soprattutto in questo momento storico post pandemia . Qui non c’entra il colore politico qui c’entra il buonsenso ed il rispetto concreto verso la comunità saviglianese.

Lega Salvini Premier - Savigliano

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

SPESA A DOMICILIO

In edicola