Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Emozionante riscoprire il valore dell’oratorio»

Centinaia di persone hanno visitato, nei giorni della festa patronale di Racconigi, la mostra allestita nella chiesa di Santa Croce per ricordare l’esperienza dell’oratorio di San Giovanni, mostra che ha fatto da cornice alla presentazione del bel libro fotografico di Nino Gallo in cui sono riprodotte immagini di ragazzi, di giovani e di adulti, protagonisti di numerose esperienze oratoriali negli anni settanta. Pur non facendo parte di quella “generazione” siamo profondamente debitrici a chi ci ha precedute e sentiamo il dovere di dire “Grazie”…. A Nino, innanzitutto, che ha custodito, raccolto e organizzato, con cura e passione, questa preziosa testimonianza, ma anche a tutti coloro che nell’Oratorio di san Giovanni, negli anni, sono “passati” lasciando, ciascuno a modo suo, un segno che ha costruito un pezzo di storia della Comunità Parrocchiale e cittadina. Per circa 40 anni siamo “state” in oratorio….prima come bambine del catechismo che guardavano con ammirazione i più grandi sognando di diventare come loro, poi ragazze coinvolte in mille attività, poi ancora giovani impegnate nel cammino di gruppo che tanto ha contribuito alla nostra formazione umana e spirituale e infine come animatrici dei più giovani, desiderose sempre di far vivere ad altri quella bella esperienza di Chiesa che a noi era stata “regalata”. Passandosi così il testimone da una generazione all’altra, coloro che si sono impegnati nell’oratorio di Racconigi sono stati segno e anticipazione di quello che oggi papa Francesco chiama “Chiesa in uscita”. Quanto negli anni è stato realizzato, vissuto, condiviso è frutto della passione di tanti che si sono spesi con generosità, credendo fortemente nel valore formativo dell’oratorio e accordando piena fiducia ai giovani. Primo fra tutti don Felice, uomo mite e accogliente verso ogni persona, indistintamente, poi don Aldo che ne ha raccolto l’eredità pastorale e infine tutti quanti hanno creduto possibile vivere da cristiani stando al confine, sulla frontiera tra catechesi e animazione ludico – sportiva, tra liturgia e impegno sociale, tra confessionalità e laicità.

Silvana Gallo e Emanuela Milanesio - Racconigi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

SPESA A DOMICILIO

In edicola