Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Con gli ultimi nell’inferno di Lesbo

SAVIGLIANO - Era una bomba a orologeria, destinata prima o poi a scoppiare. È esplosa mercoledì scorso: un gigantesco incendio ha devastato il campo profughi di Moria, sull’isola greca di Lesbo, lasciando migliaia di persone in mezzo a una strada, senza un posto dove trascorrere la notte. Marco Sandrone, 37 anni, saviglianese, vive in quell’inferno. Per l’associazione Medici senza Frontiere, si occupa di coordinare gli aiuti e i soccorsi.

Intervista con foto a pag. 7

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

SPESA A DOMICILIO