Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«La sicurezza sul lavoro deve tornare una priorità»

Egregio direttore,

in questa lunga stagione nella quale l’attenzione di tutti è catturata dall’emergenza sanitaria, economica e sociale legata al covid-19, continua drammaticamente a confermarsi una costanza sconvolgente: i morti sul lavoro. La tragedia di Davide Gennero, il 22enne morto per le esalazioni di gas del silos nel quale era caduto, è l’ennesimo episodio che non possiamo archiviare come fatalità. Le cronache dei giornali sono troppo spesso occupate da queste notizie che sconvolgono una comunità, distruggono intere famiglie e ci lasciano tra mille rimorsi e rimpianti. Ed allora cosa si deve fare? Essere chiari e conseguenti, sottolineando che gli infortuni sul lavoro hanno due cause principali: la mancata osservanza delle leggi e la carente rete di controlli che queste leggi dovrebbe far rispettare. Per ogni settore la modalità dell’infortunio è sovente la stessa. Ed è proprio questo ripetersi di incidenti analoghi che rende ancora più inaccettabile quanto accade. Il 18 settembre come Cisl insieme a Cgil e Uil faremo una grande manifestazione nazionale che avrà come tema centrale l’occupazione. Occorre creare lavoro, rilanciare l’economia. Un lavoro che sia adeguatamente retribuito e svolto in sicurezza. Rimettere al centro la dignità della persona è la sfida più grande che ci attende. La persona prima del profitto. Un’enorme sfida culturale da affrontare tutti insieme.

Enrico Solavagione - segretario generale Cisl Cuneo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

SPESA A DOMICILIO

In edicola