Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Soluzioni per rilanciare il turismo in Granda»

Riceviamo e pubblichiamo

Il turismo è stato tra i settori più colpiti in assoluto dal lockdown. Per le peculiarità della nostra Provincia, l’offerta legata all’outdoor sarà ancora di più il punto di forza in questa stagione anomala, insieme all’alta qualità delle strutture alberghiere, ma i problemi non mancano. La nostra federazione, in occasione degli Stati Generali dell’Economia, ha indicato con chiarezza le basi per la ripartenza della filiera. I temi sui quali chiediamo attenzione sono quelli che abbiamo in comune con gli altri settori industriali: dalle infrastrutture, alla digitalizzazione, ma abbiamo chiesto anche un decreto che risponda in modo specifico a problemi che per la natura del settore sono solo nostri. Per molte imprese se no, non ci sarà futuro. Mi riferisco ai finanziamenti a fondo perduto, alle moratorie su imposte e tasse, oltre a strumenti di integrazione salariale per evitare la cassa integrazione, agli incentivi per le strutture alberghiere che riaprono e ad un meccanismo che estenda loro l’ecobonus con il credito d’imposta al 110%. Per fare ripartire l’industria, anche quella turistica, non ci stanchiamo di ripetere che occorre snellire la burocrazia. Servono anche aliquote più flessibili per gli adempimenti fiscali e procedure più veloci per l’accesso ai finanziamenti garantiti dallo Stato senza dimenticare i problemi legati alla riqualificazione delle strutture ricettive e alla concorrenza sleale esercitata dagli appartamenti abusivi che inquinano il mercato. Confidiamo che arrivino presto le risposte che attendiamo.

Roberto Gosso, presidente sezione Turismo Confindustria Cuneo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

SPESA A DOMICILIO

In edicola