Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Si blocchi la revisione alla legge sull’azzardo»

Riceviamo e pubblichiamo

La proposta del consigliere regionale della Lega, Claudio Leone, di modificare la legge approvata dalla Giunta Chiamparino nel 2016, che poneva un limite al numero di "slot machine" nei bar e nelle tabaccherie, vietando le “macchinette” nelle sale giochi e negli esercizi pubblici situati a meno di 500 metri da scuole, luoghi di culto, impianti sportivi, ospedali, oratori, istituti di credito e stazioni ferroviarie, ha suscitato molta perplessità. A questo proposito le Acli provinciali di Cuneo si schierano decisamente a fianco degli studenti delle 80 scuole in tutto il Piemonte, che sostenuti da Libera, hanno esposto, davanti ai loro istituti, degli striscioni con la scritta: “Regione, a che gioco stai giocando?”. Modificare la legge contro la ludopatia e il gioco d'azzardo, votata dalla precedente amministrazione, togliendo l'effetto retroattivo, per cui gli esercizi pubblici e le sale giochi che alla data al 19 maggio 2016 già ospitavano slot e Vlt non devono essere soggetti al rispetto delle distanze minime “dai luoghi sensibili”, potrebbe avrebbe conseguenze molto gravi. Se passasse questa modifica verrebbe meno un importante strumento di contrasto al gioco d’azzardo patologico, all’impoverimento di persone e famiglie e anche al riciclaggio delle mafie che operano nel settore.Regolamentare il gioco d’azzardo legale vuol dire difendere le fasce più deboli della popolazione, contro la ludopatia, non lasciare solo chi combatte ogni giorno con questa dipendenza e le famiglie che da essa vengono distrutte o ridotte sul lastrico. I risultati raggiunti nei primi due anni di applicazione della legge sono positivi, pertanto occorre continuare sulla stessa linea e opporsi civilmente a chi vuole modificarla. Le Acli provinciali di Cuneo fanno appello in particolare ai consiglieri regionali del Piemonte affinché impediscano tale modifica, e si affiancano alle associazioni e ai gruppi che operano in questo senso, a tutela della salute e del benessere di tutti ci cittadini piemontesi.

Elio Lingua, presidente Acli Cuneo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

SPESA A DOMICILIO

In edicola