Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Gestione acqua pubblica non si rallenti il processo»

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera del presidente della provincia Federico Borgna in risposta alle sollecitazioni del comitato cuneese Acqua Bene Comune:

Il Comitato Cuneese Acqua Bene Comune mi sollecita riposte e prese di posizione sulla proposta di costituire due ambiti gestionali in provincia di Cuneo. Nella lunga lettera inviata ai mezzi di comunicazione si ricorda anche l’impegno finora profuso per rispondere coerentemente al voto referendario del 2011. È indubbio, e al di sopra di ogni sospetto, che la posizione assunta dal Comune di Cuneo in questo percorso sia stata lineare. Lo dimostra in modo inequivocabile la scelta di un assessorato all’acqua pubblica maturata nell’attuale tornata amministrativa. Altrettanto limpida è la posizione della Provincia, che nel settore idrico non dispone di competenze dirette, ma che partecipa alla Conferenza di Ambito con una percentuale significativa che nel voto si è sempre collocata a favore della gestione pubblica del servizio idrico. La Provincia, inoltre, detiene la maggioranza delle azioni dell’Acquedotto delle Langhe ed anche all’interno di questa società ha operato con la massima coerenza. Tutto ciò per ribadire comportamenti, azioni politiche, posizioni personali che non lasciano spazi né a dubbi, né a critiche. Ora, in una parte della provincia, si sta parlando di proporre due ambiti gestionali. Da quanto ne so, non si sta discutendo di un ambito gestito da società pubbliche e di un secondo affidato a privati. Il dibattito, per ora quasi carbonaro, è principalmente incentrato sulla difficoltà di far coincidere interessi e bisogni che oggettivamente sono contrastanti tra aree geografiche differenti e situazioni socio-economiche con dinamiche diverse. Sarebbe del tutto ingiusto e fuorviante porre oggi sul tavolo un confronto tra gestione pubblica e privata. Non credo che questo sia un argomento trattabile in questo contesto e in questo momento. Sarebbero fuorvianti forzature in una direzione o nell’opposta. Ritengo legittimo, in democrazia, che si metta in discussione da parte di Amministratori pubblici una scelta politica, ma questo va fatto nelle sedi adeguate e con forme istituzionalmente corrette. La Provincia non è stata ancora ufficialmente coinvolta, ma personalmente ritengo che la proposta si debba mantenere in limiti che vorrei definire geografici. Non trovo scandaloso che se ne parli. È diritto dei cittadini e degli amministratori avanzare proposte, discuterle, portarle all’attenzione della pubblica opinione. Il tutto all'interno di percorsi corretti e ben definiti. La gestione del servizio idrico - sottolineo il termine gestione per non creare confusione - è un fatto prettamente industriale che richiede certezze e prospettive temporali di lungo periodo, perché vive di finanziamenti per la realizzazione delle opere e per la manutenzione di reti ed impianti che richiedono ingenti investimenti. Non può essere sottoposta a rallentamenti o incertezze. Ed allora, affiancandomi alla richiesta di franchezza nei comportamenti che proviene dal Comitato Cuneese Acqua Bene Comune, faccio anche io una richiesta. La Regione, che è l'Ente competente nella definizione degli ambiti territoriali, affronti nel breve periodo la questione. Gli eventuali proponenti affinino una proposta concreta sulla quale misurarsi democraticamente e negli ambiti previsti dalle leggi. L’unico rischio, assolutamente da evitare, è che questo spettro che si aggira sulla Provincia, serva a rallentare i processi gestionali in corso e a mettere a repentaglio la vita tecnica di impianti e reti che forniscono un bene indispensabile alla vita umana ed all'economia provinciale.

Federico Borgna, pres. della Provincia e sindaco di Cuneo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola