Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Giusto puntare sul cicloturismo cittadino»

Egregio Direttore,

Ho letto con piacere la notizia del nuovo progetto promosso dall’Ascom provinciale, finalizzato a far conoscere le bellezze turistiche della zona di pianura, significativamente chiamata ‘Terra di mezzo’, schiacciata com’è fra le Langhe e le montagne. Condivido anche l’idea, illustrata dal direttore saviglianese Livio Raballo, di puntare sul cicloturismo. Al riguardo Savigliano è al centro di un vero e proprio gioiello, costituito dal sentiero del Maira, praticabile ormai tutto l’anno, perché tenuto costantemente in ottime condizioni da bravissimi volontari, nonostante le ricorrenti erosioni, qua e là, da parte del torrente e le cadute di rami e tronchi in occasione di nevicate, piogge persistenti o vento. È bello vedere, specie nel tratto a sud di Savigliano, persone di ogni età che corrono, pedalano in mountain-bike o camminano, spesso con cani al seguito. Farei due proposte per aumentarne la fruibilità e renderlo ancora più interessante. Anzitutto completare il tratto che da Cavallermaggiore porta a Racconigi: il che significherebbe arrivare ad un castello di sicuro richiamo turistico, con la possibilità di raggiungere le suggestive cascine reali di Migliabruna, passando per il centro cicogne. In secondo luogo, ma non meno importante, occorrerebbe completare il tratto che da Villafalletto porta a Savigliano, sulla sinistra orografica, aperto di recente da generosi volontari di Villafalletto e Vottignasco, ma che purtroppo si ferma ai confini di Savigliano, con la conseguente necessità di uscire, poco prima del Baratà, su strada asfaltata, per raggiungere San Salvatore e il ponte di Solerette. Cosa impedisce di terminare quel bel percorso che altri hanno utilmente attivato? Farei appello al Sindaco perché cerchi di rimuovere eventuali ostacoli, che non immagino, autorizzando la realizzazione del tratto mancante. Sarebbe senza dubbio un ulteriore tassello idoneo a impreziosire un percorso naturalistico di assoluto pregio ed interesse. Grazie per l’ospitalità.

G.G. – Savigliano

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Area Abbonati

In edicola