Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Prev Next

Ospedale: dieci anni di cantieri

Ospedale: dieci anni di cantieri

Almeno dieci anni e 37 milioni di euro ci separano dall’inaugurazione della cittadella della salute Santissima Annunziata. Queste sono, sulla carta, le intenzioni dell’Asl Cn1. Scongiurata la costruzione del nuovo ospedale di Lagnasco, le incognite restano però molte: oggi in cassa ci sono appena otto milioni di euro e per iniziare i lavori ne servono 18, che dovrebbero arrivare con un mutuo. Poi ci sono i tempi (una decina d’anni se non ci saranno intoppi burocratici o in corso d’opera) e venti milioni da trovare per chiudere i cantieri. Putroppo nei saviglianesi è viva la memoria degli infiniti lavori per il Pronto Soccorso, diventato realtà soltanto vent’anni dopo i progetti. La speranza, in questo caso, è che tutto si risolva più rapidamente.

«Sommersi dalle emergenze»

«Sommersi dalle emergenze»

Alessandra Frossasco, 55 anni, sposata con 4 figli, diploma in ragioneria con un lavoro come agente in attività finanziarie. In consiglio comunale dal 2014 e dallo scorso anno in Giunta con il sindaco Ambroggio. Il suo non è un assessorato che che porta a manifestazioni, inaugurazioni, tagli di nastri e cerimonie… «No, non sono portata per questi momenti di rappresentanza. Il mio lavoro è molto più concreto; cercare di dare aiuto alle persone più deboli e in difficoltà».

Centenario bollente

Centenario bollente

Ricorre l’anno prossimo ed è già oggetto di un’aspra polemica. Si tratta del centenario della Saviglianese calcio, conteso tra l’attuale dirigenza di viale Gozzano e le vecchie glorie, che annunciano la costituzione di un comitato per i festeggiamenti. Per il!Comune un altro difficile terreno di mediazione. Leggi tutto a pag. 7

Sfratto per le pecore del Neuro

A fine maggio le pecore, le capre e gli animali che da circa dieci anni abitano nel parco dell’ex neuro, per questioni di scurezza, dovranno trovare una nuova casa. Una disposizione congiunta tra l’Azienda Sanitaria e l’amministrazione comunale che ha in gestione il parco in comodato d’uso da circa una decina di anni.

Banner
  • Cavallermaggiore
  • Caramagna
  • Monasterolo
  • Marene
  • Altri

Il paese dei graffiti

Il fine settimana è stato un’esplosione di arte e colori con i writer che a Cavallermaggiore, Marene, Murello e Caramagna hanno dato nuova vita alle pareti di scuole ed edifici privati. Sull’onda dell’entusiasmo di un evento che, partito proprio da Cavallermaggiore ha ottenuto consensi anche in paesi vicini, il sindaco Davide Sannazzaro non esita a rivendicarne la paternità proponendo di proclamare il paese che amministra “la città dei graffiti”. «Intendiamo dare un segnale concreto a questa manifestazione esponendo sotto il cartello Cavallermaggiore proprio la scritta “La città dei graffiti”», è stato il commento del primo cittadino, pronto a dar seguito all’idea lanciata l’anno scorso anche per valorizzare turisticamente il paese.

Corsa contro la fame

Lo scorso 19 maggio la scuola primaria e secondaria di primo grado ha partecipato alla corsa “contro la fame”. Presenti circa 190 bambini e ragazzi. È stata una corsa solidale a sostegno delle popolazioni disagiate, organizzata dalla scuola media in collaborazione con la onlus azione contro la fame. A fare da apripista alla manifestazione, graziata da condizioni meteo favorevoli, Roberto Casetta, atleta braidese di handbike che i ragazzi della scuola ben conoscono. Un esempio per le nuove generazioni di determinazione e volontà.

Gruppo di cucito al circolo Acli

Il Circolo Acli di Monasterolo, con la nuova gestione di Gabriella, ha dato vita a molte iniziative, tra cui quella del cucito creativo ogni giovedì pomeriggio. Le signore interessate a questa attività si ritrovano una volta alla settimana per condividere un progetto e sperimentare tecniche nuove: abbiamo assistito alla creazione del “passerotto floreale” in feltro con la tecnica del cucito a mano.

Il casello si riavvicina

Sei chilometri risparmiati per chi deve imboccare l’autostrada provenendo dal saviglianese. Con il via libera del Ministero dei Trasporti al progetto esecutivo, arrivato dopo quasi due anni d’attesa, il casello si «riavvicina » a Marene: da oggi, «Autostrada dei Fiori» può predisporre la gara d’appalto, assegnare i lavori e riaprire il vecchio ingresso all’A6. Da contratto, l’azienda avrà 450 giorni di tempo per chiudere i cantieri. «Il progetto per riavvicinare l’ingresso è un passo avanti per il territorio. Una buona notizia, dopo un anno e mezzo d’attesa, da quando la Regione aveva completato la procedura di sua competenza – dichiara l’assessore regionale ai Trasporti, Francesco Balocco –. Vigileremo affinché si proceda nei tempi più rapidi possibili»

Nuova vasca per i Sommarivesi

SOMMARIVA - Si è tenuta presso l’Ato di Cuneo la conferenza dei servizi per la realizzazione di una nuova vasca dell'acquedotto per il comune di Sommariva del Bosco. L’intervento ha un costo di 705.000 euro, comprensivi della demolizione della vasca esistente. La Tecnoedil prevede l’avvio dei lavori per il mese di luglio e la conclusione entro novembre. Soddisfatto il sindaco Matteo Pessione: «Abbiamo fatto il possibile per soddisfare quella che da tanto tempo era una aspettativa dei sommarivesi e abbiamo ricevuto una buona collaborazione da parte di Ato e Tecnoedil. Abbiamo sollecitato l’urgenza dei lavori, visto che la vasca esistente non riesce più a garantire sicurezza».

31 agosto

.:Cultura:.

Federica & Max, dialogo e tumore

Venerdì 18 maggio alle 18,30, presso il Caffè Intervello (Teatro Milanollo) in Piazza Turletti, si terrà la presentazione del libro “CraniofaringioMax – il dialogo ai tempi di WhatsApp”. Il dialogo è quello, messo nero su bianco, tra due amici e coetanei, entrambi saviglianesi: Massimo Pavone e Federica Pio. Massimo è un giovane uomo con una vita normale e piena: un lavoro, una moglie e due figli. Fino a quando, nel 2016, gli viene diagnosticato un craniofaringioma, un tumore al cervello che irrompe nel suo quotidiano, rubandogli la memoria breve e la normalità. Federica viene a saperlo per caso, lo chiama e Massimo le confida il desiderio di scrivere un libro. Lei si offre di aiutarlo a mettere in ordine eventi e pensieri.

La Vignetta

Seguici su Facebook

Area Abbonati

In edicola

Appuntamenti