Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cavallermaggiore

Altro cambio della guardia in caserma

Cambio della guardia alla caserma dei carabinieri di Cavallermaggiore. Dal 21 febbraio, il maresciallo Francesco Trovato ha lasciato dopo due anni di servizio il suo incarico in città, per trasferirsi a Torino alla stazione dei carabinieri di San Secondo.

Articolo a pag. 10

Requiem alla variante. Avanti con la tangenziale nord

Ma quanto costerà la tangenziale nord di Cavallermaggiore, la nuova arteria che permetterà l’eliminazione del passaggio a livello in direzione di Sommariva del Bosco? Questa domanda l’abbiamo posta al sindaco Davide Sannazzaro che non si è sottratto alla risposta, anzi è andato a briglie sciolte, entrando anche nel merito di un’altra opera spesso invocata ma mai realizzata. «Questa opera costerà 5 milioni di euro e sarà finanziata in parte dalla Regione Piemonte con 3 milioni di euro e in parte dalle Ferrovie dello Stato per i restanti 2 milioni di euro. Una spesa non indifferente, basti dire che ci vogliono solo 3 milioni di euro per il sovrappasso, poi c’è da fare la nuova rotonda e l’allargamento della sede stradale».

Ampio servizio a pag. 10

Un nuovo medico di famiglia in paese

Da febbraio il dottor Giuseppe Orrù è di fatto operativo a Cavallermaggiore come medico di base in sostituzione definitiva del dottor Piero Sabena andato nei mesi scorsi in pensione. Trapanese di origine, 54 anni, dal 1995 vive in Piemonte, regione che lo ha adottato nel corso delle sue varie esperienze maturate in Italia e all’estero. Medico del lavoro con una formazione manageriale, il dottor Orrù durante la sua attività ha prestato servizio prima in Trentino Alto Adige e poi si è spinto nel 2007 oltreconfine, in Germania.

A pag. 10

La cicogna è tornata

Sabato scorso, per un paio d’ore, l’Amministrazione di Cavallermaggiore ha vissuto momenti di panico. Sui cieli della città è tornata a svolazzare la cicogna – guarda un po’ – proprio sulla vecchia torre civica, antica sua abitazione rimossa e gettata a suo tempo in discarica. La vicenda finita sui media nazionali (con parentesi in radio con Luciana Littizzetto) era nata a metà gennaio dello scorso anno, quando il sindaco Davide Sannazzaro decise di rimuovere il nido dalla torre. Una scelta non facile per il primo cittadino che, fino all’ultimo, era rimasto in dubbio sull’operazione. Poi era arrivata la decisione d’intervenire per eliminare i disagi, soprattutto quelli igienici, sollevati dai proprietari delle abitazioni confinanti.

A pag. 10

I progetti della Piazza del Sapere

Il progetto della ricollocazione della biblioteca civica di Cavallermaggiore e la riqualificazione dell’area di San Pietro e del largo Baden Powell è sicuramente l’opera più importante, ed economicamente più onerosa, dell’Amministrazione comunale del sindaco Davide Sannazzaro, con un impegno di spesa di un milione e 350.000 mila euro. Per scoprire come sarà “La Piazza del Sapere” occorre approfondire le fasi del progetto, con i lotti funzionali all’intervento e la sostenibilità finanziaria.

Articolo completo a pag. 10