Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

«Quanto sono maleducati i fumatori saviglianesi»

Egregio Direttore,

dalla giornata di “Puliamo il Mondo” – manifestazione nella quale oltre 1200 bambini, ragazzi, maestri, professori, volontari della Protezione Civile e della Consulta Ecologica hanno spazzato vie, giardini, parchi e viali - è emerso chiaramente che i cittadini di Savigliano ai quali meno importa la pulizia della città sono i fumatori. Non tutti, certamente, ma una buona parte. Nelle due ore infatti in cui i nostri giovani hanno lavorato, è stato stimato che siano stati raccolti più di 30.000 mozziconi di sigarette: più di ogni altra tipologia di rifiuti. A tal punto che una classe delle elementari - in modo del tutto spontaneo - ha incominciato ad urlare per le vie cittadine: “Non si fuma, non si fuma.” La stessa considerazione è scaturita dal lavoro del Gruppo Raccolta Rifiuti - che si è formato spontaneamente per ripulire dai rifiuti le vie del quartiere una volta alla settimana - ed al quale sarebbe auspicabile si aggregassero quanti più cittadini possibile per dare continuità a questa iniziativa di pura educazione civica. Ai fumatori andrebbe chiesto se a casa loro, o a casa dei loro amici, sono soliti spegnere le sigarette per terra lasciando i mozziconi sul pavimento. E perché mai si ritengono in diritto di sporcare i pavimenti della nostra città e di fregarsene del decoro della nostra casa comune. Non credo però, francamente, che saprebbero dare una giustificazione plausibile al loro comportamento. Alla Consulta Ecologica proporrò di formulare la richiesta al Comune di aumentare il numero dei posacenere a fianco dei cestini per la spazzatura, in modo che i fumatori non abbiano più scuse per la loro maleducazione. Ma anche che si vieti il fumo nei dehors dei bar perché la distanza tra gli avventori non è mai tale da proteggere i non fumatori dai danni del fumo passivo. Mi dicono che i fumatori si sentano dei perseguitati. È vero, lo sono, e sono anche mal sopportati. Ma questo sentimento non è che la diretta conseguenza del comportamento di buona parte di loro e della loro mancanza di rispetto per il prossimo.

Guido Chiesa - Presidente Consulta Ecologica - Savigliano

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna