Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Marene, neanche la ghiaia nelle strade di periferia

Riceviamo e pubblichiamo:

Gentile signora Barbero sindaco di Marene, mi rivolgo a lei con questa lettera perché non riesco più a vivere in queste condizioni. Abito ai Ramè e a causa della strada che passa davanti alla casa, devo vivere blindata, non posso stendere e devo stare con le finestre chiuse perché ogni volta che passa una macchina o un trattore si alza una nuvola gigantesca di terra e polvere che entra nella casa. Ormai sono 15 anni che sopporto questa situazione; mi sono rivolta molte volte al geometra del Comune, ma non è mai stato fatto niente. Addirittura non è stata messa la ghiaia come negli anni passati. Ci sono i soldi per fare i lavori in centro del Paese, ci sono i soldi per gli immigrati stranieri, ma non per dove abito io. Vede signora Barbero, senza offesa, io penso che un sindaco si debba preoccupare anche della periferia della sua città e non solo del centro. Sono cittadina italiana e pago le tasse; credo che oltre ai doveri possa anche avere dei diritti e non essere trattata come abitante di serie B. Signora Sindaco, se pensa che stia esagerando venga a farsi un giro in via Tetti Magna Ramè al numero 6, così si renderà conto della situazione. Grazie per l’attenzione.

Maria Spinelli – Marene

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna